É possibile che 17 milioni di bambini – al di sotto di un anno – respirano aria tossica per colpa del tuo fornitore di stampanti?

Giugno 27, 2019

Lo so, è un argomento a dir poco ostico. Ma dammi la possibilità di spigarmi e ti mostrerò in che modo tutto questo ha a che fare con le stampanti.

Secondo uno studio condotto da Anthony Lake, direttore generale dell’Unicef, 17 milioni di bambini al di sotto di un anno respirano aria tossica.

Lo studio dimostra che respirare aria inquinata da polveri fini può minare lo sviluppo cognitivo dei bambini al di sotto di un anno di vita, con conseguenze per tutta la vita.

Anthony mette in evidenza come l’inquinamento atmosferico può avere impatti rilevanti sullo sviluppo dei bambini durante la prima infanzia.

Le particelle di inquinamento ultrasottili, infatti, sono talmente piccole da poter entrare nel flusso sanguigno. Arrivare al cervello e danneggiare la barriera emato-encefalica, causando neuroinfiammazioni.

La barriera emato-encefalica compone i vasi del sistema nervoso centrale e ha la funzione di proteggere il tessuto cerebrale dagli elementi nocivi presenti nel sangue.

Il cervello – in questa età – è particolarmente vulnerabile.

Può essere danneggiato anche da una dose piccola di sostanze chimiche tossiche. Questo perchè il sistema immunitario NON è pienamente sviluppato

Secondo Anthony Lake:

“Nessun bambino dovrebbe respirare aria pericolosamente inquinata e nessuna società può permettersi di ignorare l’inquinamento atmosferico” 

Nei primi anni di vita, i bambini sono come delle spugne: a parità di unità di peso – mangiano cinque volte, bevono quattro volte e – respirano due volte in più rispetto agli adulti.

L’assorbimento di queste polveri nocivi è perciò molto maggiore.

Le sostanze inquinanti NON danneggiano soltanto i polmoni dei bambini ma anche il loro tessuto cerebrale, il cui sviluppo può essere compromesso.

L’organizzazione mondiale della sanità calcolava come il 26% delle malattie è legato alla qualità dell’ambiente.

Per renderti conto non è necessario essere dottori o infermieri. Basta mettere il naso fuori dalla finestra.

Tra gli indagati ci sono le polveri rilasciate dai toner delle stampanti.

Di chi è la colpa?

La colpa è di tutte quelle aziende che si occupano di noleggio stampanti che NON effettuano smaltimento toner presso il cliente.

Smaltire il toner costa. Soprattutto quando un determinato tipo di cliente stampa molto e quindi consuma piuù di 13 toner all’anno.

Non vogliono farsi carico di queste spese. Preferiscono buttare i toner nella spazzatura o in qualche bosco.

Se l’inquinamento ambientale è aumentato, un pò è colpa loro.

Buttare i toner esausti nei cassonetti della spazzatura è illegale. Si rischia un processo penale.

Si, perchè se quel cassonetto viene incendiato da qualcuno o dal forte calore, le polveri di toner emanano nell’aria e inquinano l’ambiente.

I tuoi figli potrebbero essere in pericolo per colpa di queste aziende che NON smaltiscono il toner e lo buttano nei cassonetti della spazzatura.

Non noleggiare MAI una stampante multifunzione se l’azienda NON ti offre lo smaltimento toner.

Se l’azienda di noleggio non ti offre lo smaltimento dei toner esausti NON noleggiarla.

Se lo fai hai un problema enorme. Devi smaltire questi toner esausti e NON puoi buttarli al cassonetto della spazzatura ne portarli all’isola ecologica del tuo paese.

Devi sottoscrivere un contratto di smaltimento toner. Non puoi tenerli neanche all’interno del tuo ufficio perchè se la guardia di finanzia viene a fare un controllo, rischi una multa salata.

Vuoi abbandonare anche tu i toner esausti delle stampanti?

https://www.comune.fi.it/comunicati-stampa/stoccavano-e-abbandonavano-irregolarmente-i-toner-esauriti-di-stampanti?language_content_entity=it

Probabilmente – se stai leggendo questo articolo – non hai un contratto di smaltimento toner, e forse, ti sarà capitato di pensare:

“Dove li butto sti toner?”

La tentazione di buttarli nel cassonetto della spazzatura ci sta, ma devi essere forte per resisterla.

Ti racconto un aneddoto per farti capire perchè NON dovresti buttarli ma sottoscrivere un contratto di smaltimento toner.

Tutto ha inizio ai primi di dicembre 2018, quando una mattina una pattuglia della polizia municipale ha notato alcuni oggetti abbandonati all’esterno dei cassonetti dei rifiuti.

Si trattava di ben 35 prezzi di toner esausti per stampanti. All’interno della scatola è stato trovato un documento di trasporto intestato ad una società di manutenzione e noleggio stampanti che aveva come destinazione un’altrà società.

I materiali – considerati rifiuti speciali e pericolosi per l’ambiente – sono stati sottoposti a sequestro penale a carico di persona da identificare.

L’azienda di noleggio distribuiva le cartucce nuove ai clienti e ritirava e stoccava i toner esausti.

Morale della favola?

Denunciati titolare e legale rappresentante delle due ditte

Adesso che hai capito di poter rischiare di ricevere una denuncia da parte della polizzia comunale:

Ecco come essere in regola con la normativa e NON rischiare di essere denunciato

Le cartucce a getto d’inchiostro e toner per stampanti laser sono classificati come rifiuti speciali non pericolosi. Sono soggetti al trattamento indicato dal D. Lgs. 152/06, classificati dal Codice Europeo Rifiuti (CER) n.08 03 18.

Il D. Lgs. 152/06 e 205/10, e successive modifiche, stabiliscono che tutti i possessori di Partita Iva – quindi produttori di toner esausti – sono sottoposti all’obbligo di smaltirli correttamente.

Per smaltire i toner esausti correttamente devi essere in possesso del documento che attesta l’avvenuto smaltimento secondo le modalità previste dalla Legge.

Il Formulario Identificazione del Rifiuto (FIR). Viene rilasciato da un trasportatore autorizzato, che contiene tutte le informazioni relative alla tipologia del rifiuto, al produttore, al trasportatore ed al destinatario.

Te che hai la Partita Iva puoi smaltire i toner esausti all’interno dell’ecobox. E deve essere smaltito entro 12 mesi.

Dopo la richiesta del ritiro, sarà cura dell’azienda di smaltimento toner di compilare il formulario di identificazione dei rifiuti e consegnare la prima copia del FIR.

Il FIR certifica la corretta presa in caso dei rifiuti, ed entro 90 giorni dovrà essere restituita la quarta copia che attesta l’avvenuto smaltimento.

Alcuni miei clienti avevano dei dubbi, giustamente, perchè non si fa chiarezza in questo settore.

Posso portare i toner esausti all’isola ecologica?

NO. L’isola ecologica non può accettare i toner esausti dalle aziende o titolari di partita iva. I toner esausti sono classificati come Rifiuti Speciali.

I Rifiuti Speciali non fanno parte di quelli Urbani, quindi, le amministrazioni comunali NON sono in grado di effettuare una corretta gestione del rifiuto.

“Qualora avessi le stampanti a noleggio, sono ugualmente responsabile della gestione e dello smaltimento dei toner?”

SI. La Legge individua precisamente chi è il responsabile della gestione del rifiuto. Basti pensare all’aneddoto che ti ho raccontato prima.

La polizzia municipale ha trovato i trasgessori grazie ad un documento di trasporto.

In poche parole il responsabile NON è il noleggiatore ma bensì l’azienda che stampa e che consuma il toner.

“É vero che la mia responsabilità termina nel momento in cui affido i toner esausti ad una azienda autorizzata che ritira e li smaltisce regolarmente?”

NO. La responsabilità della gestione del rifiuto dura fino a quando non si riceve la 4° copia del formulario firmata dall’impianto di smaltimento che ne certifica il corretto smaltimento e la si unisce alla 1° copia in tuo possesso.

“La mia azienda restituisce i toner a chi ci vende le cartucce per stampante. É legale?”

ASSOLUTAMENTE NO. A meno che chi vende le cartucce non abbia anche tutte le autorizzazioni per gestire i rifiuti o le ritirano per un controllo qualità.

La gestione dello smaltimento dei rifiuti deve essere effettuata solo da aziende iscritte all’albo e provviste di regolare autorizzazione regionale.

Chi produce toner esausto ha la responsabilità di accertarsi che l’azienda alla quale affida i toner esausti abbia tutte le autorizzazioni necessarie.

“Quali sono le sanzioni per i trasgressori?”

Le sanzioni per i trasgressori che non rispettano il protocollo di smaltimento dei toner esausti sono di tipo pecuniario e di tipo amministrativo.

  • Da 2.600€ fino a 15.500€ per rifiuti non pericolosi;
  • Da 15.500€ fino a 93.000€ per quelli pericolosi.

A livello amministrativo si ha la sospensione per un anno dalla carica di amministratore.

Spero che con questo articolo hai capito l’importanza dello smaltimento dei toner esausti delle tue stampanti. Non solo per te, ma per quei bambini che muoiono ogni giorno a causa dell’inquinamento ambientale.

Anch’io ho scelto di affidarmi ad un partner per lo smaltimento dei toner esausti delle stampanti che noleggio ai miei fedeli clienti.

Ogni 2 settimane viene a ritirare i toner esausti delle nostre stampani.

Ricorda di smaltire i toner esausti correttamente, mi raccomando!

Alla prossima

Il dottore delle stampanti

P.S. Hai letto l’articolo e vorresti poter delegare tutte le rogne della scelta di una stampante multifunzione a noleggio SENZA rischiare di prenderti responsabilità che NON ti competono?

Lascia a me l’onere di analizzare e scegliere la stampante multifunzione a noleggio adatta alla tua tipologia di lavoro.

Se anche tu sei convinto che sono la qualità ed affidabilità della tua stampante multifunzione a rendere perfetti i tuoi documenti, allora libera il tuo tempo e sgombera la mente dalle preoccupazione di una corretta scelta di quali stampanti installare.

Lasciami i tuoi dati nel modulo che trovi a questo link:

https://www.ildottoredellestampanti.it/contatti

Autore dell'articolo

Carmine Zincone  -  Sono Carmine Zincone e da oltre 2 anni mi occupo di noleggio stampanti multifunzioni professionali, selezionando e fornendo ai miei clienti stampanti adatte alla loro tipologia di lavoro.La mia non è una storia d'amore con le stampanti però è iniziata molto tempo fa, quando ancora ero un bambino.Se ti va di leggere la mia piccola storiella, vai su "Chi sono"

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}